I significati dello sport

La pratica sportiva rappresenta una porzione particolare della vita in cui si inseriscono numerosi significati. Stiamo parlando di tutto lo spettro delle emozioni che possono sperimentare i ragazzi nel loro percorso di costruzione dell’identità. Dobbiamo esplorare questi significati per far emergere le rappresentazioni, gli interrogativi e le richieste che orientano e formano l’esperienza di bambini, adolescenti e adulti durante l’attività sportiva. Vedere lo sport da questa prospettiva allargata ci consente di esplorarne le potenzialità, come spazio relazionale privilegiato. Uno spazio in cui i ragazzi vanno orientati per vivere l’esperienza da protagonisti. Uno spazio in cui l’incontro, il confronto, la condivisione e la consapevolezza sono dimensioni esperienziali privilegiate. Lo sport è considerato da molti pedagoghi come l’attività educativa per eccellenza, in quanto è:

  • Occasione di crescita autentica, fisica e psicologica
  • Palestra di valori e virtù
  • Funzione relazionale e sociale
  • Confronto
  • Impegno
  • Sostegno
  • Solidarietà
  • Condivisione

La condivisione

La condivisione è probabilmente quell’aspetto che testimonia meglio l’importanza dei significati sportivi oltre il risultato. Lo sport è condivisione quando mettiamo a punto un passaggio decisivo o troviamo un modo fantastico per sbloccare una situazione, ma poi non incontriamo lo sguardo complice di un compagno, o l’allenatore in quel momento sta guardando altrove. Si sente allora che manca qualcosa. La condivisione è fatta di parole, di gesti, di abbracci, di sguardi e di lacrime. Se dopo una partita o una gara ciascuno se ne andasse senza scambiarsi un commento su com’è andata, si avrebbe l’impressione che manchi qualcosa per completare l’esperienza. Ascoltando e parlando impariamo a valutare e vedere le esperienze in modo diverso. Ci soffermiamo su quello che abbiamo fatto e provato, possiamo imparare dagli errori e migliorarci. Se le esperienze non circolano, non possono essere condivise. E anche lo scontro è una forma di incontro se è animato dall’intenzione del confronto.

Allarghiamo allora la nostra visione e proviamo a toglierci i paraocchi delle classifiche e dei risultati, perché lo sport è altro, anzi, è soprattutto altro. Va quindi sottolineata la necessità di non ricondurre la pratica sportiva solo alle dimensioni di consumo e di fruizione. E’ opportuno esplorarne anche le dimensioni delle relazioni, dei significati e delle possibilità di apprendimento e di conoscenza che in esso si concretizzano.

“Per ogni individuo, lo sport è una possibile fonte di miglioramento interiore” (Pierre de Coubertin)